Associazione Giovanni Testori

Contenuti

IN EXITU al teatro Out-Off

20>30 giugno (Prima nazionale)
Teatro Out Off
IN EXITU di Giovanni Testori
;
Regia Lorenzo Loris con Angelo Di Genio, Alessandro Tedeschi;
coreografie Barbara Geiger, Franco Reffo;
luci Luca Siola.


«Riboldi Gino, il protagonista, può essere considerato un figlio o un nipote dei personaggi dei miei libri del ’54-’55, Il ponte della Ghisolfa o L'Arialda per fare un esempio; vive con la madre (il padre è morto di tumore) e con lei condivide il dramma della sua caduta nell’abiezione. Tutto avviene due ore prima che egli si faccia l'ultima overdose

»

nel cesso della stazione di Milano; in quel tragitto finale dai giardinetti antistanti la Centrale sino al luogo dove la sua vita approderà alla morte, ripercorrebrancolando la sua vita. Tutto passa nella sua povera testa e c’è lo scrittore a cui parla; spesso lo scrittore ha quasi paura di dire quello che lui vuole che dica, ma Gino lo incalza, lo provoca, gli chiede cosa sia la sua magia, la sua malia di scrittore se si ferma davanti alle cose terribili che sta vivendo e allora la penna va avanti.[...] Infine, la morte. Fattasi l'ultima iniezione,

»

mentre rovescia la testa nel water, vede Cristo che lo piglia in braccio».
G. Testori

Orari spettacoli: da martedì a sabato ore 20.45;
domenica ore 16.00  (tranne domenica 30 ore 20.45)
Per esigenze sceniche i posti sono limitati
Prenotazione  obbligatoria  02 34532140

Collegato allo spettacolo vi invitiamo a 5 incontri nel cantiere di “In Exitu”, Giovanni Testori: IL TEATRO COME …

Martedì 25, ore 20.45 In Exitu: il testo dello scandalo Dialogo con Riccardo Bonacina e Franco Branciaroli

Mercoledì 26, ore 20.45 Stazione

»

Centrale, luogo della coscienza Incontro con Luca Doninelli

Giovedì 27, ore 20.45 La lingua di Testori Dialogo con Giovanni Agosti e Lorenzo Loris

Venerdì 28, ore 20.45 Testori e l’Out Off Dialogo con Giuseppe Frangi, Mino Bertoldo, Andrea Facciocchi

Sabato 29, ore 20.45 Da In Exitu a Regredior: l’inedito ritrovato Dialogo con Fulvio Panzeri e Alain Toubas