Associazione Giovanni Testori

Contenuti

Il quadro di cheglio

Questo giallo-storico, ambientato nella prima metà del Seicento in Lombardia, si apre, in relatà, con un fatto recente: la scoperta della seicentesca Decollazione del Battista di Cheglio da parte di Giovanni Testori. Era il giugno 1992 e Testori aveva deciso di passare l'estate all'Hotel Palace di Varese quando gli venne chiesto un parere critico su tre quadri della Parrocchiale della vicina Cheglio. Tra questi ad accendere l'entusiasmo dello scrittore fu, appunto, la tela seicentesca che Testori immediatamente riconobbe come Cerano

»

giovanile. Il ritrovamento di questo dipinto, la cui controversa attribuzione ad oggi oscilla tra l'ambito di Gherardini e quello di Ortensio Crespi, è la scintilla che accende le vicende di un intrigante giallo d'epoca. Laura Tirelli miscelando, documenti storici e fantasia narrativa, fa avventurare il lettore alla ricerca dell'assassino dell'ufficiale francese le cui sembianze sono ritratte nella testa del Battista.

L. Tirelli, Il quadro di Cheglio, Edizioni Marco Valerio, Torino 2008.prezzo di copertina: 14 euro.