Associazione Giovanni Testori

Contenuti

Testori a Brescia

Da Ceruti a Foppa Brescia, Palazzo Martinengo.
20 dicembre 2003 - 14 marzo 2004.
 
Alla decima tappa, la mostra dell’Associazione arriva a Brescia e, grazie alla collaborazione con il Centro Culturale Città Europa, Brescia Mostre e l’Apt bresciana, nasce l’evento Testori a Brescia: un’ampia ed imprevedibile esposizione che mette in luce la centralità dell’arte bresciana nell’attività di scoperta del patrimonio artistico lombardo condotta da Testori. Al principio degli anni Cinquanta, infatti, aveva affiancato Roberto Longhi nella »
mostra I Pittori della realtà in Lombardia, allestita in Palazzo Reale a Milano. È stata quella l’occasione che aveva consacrato di fronte al pubblico la grandezza del pittore bresciano settecentesco Giacomo Ceruti, del quale Testori è stato uno dei più appassionati interpreti. In occasione di una mostra sul Ceruti, organizzata a Milano nel 1966 per presentare trentadue nuove opere, Testori pubblicava un saggio sull’arte bresciana dal Quattrocento al Settecento: Lingua e dialetto nella tradizione bresciana. In questo testo rintracciava gli »
elementi di continuità resistenti al passaggio dei secoli e comuni a tutti gli autentici pittori bresciani: la lunga persistenza dei celebri grigi di Vincenzo Foppa, la compresenza di uno stile naturalistico “in dialetto” ed uno più aristocratico “in lingua”, l’attenzione per la realtà semplice e vera della vita di tutti i giorni. In mostra, splendidi dipinti di Ceruti, Romanino, Moretto e Savoldo.

In mostara presenti anche i pannelli con la vita di Testori.

È possibile organizzare una visita guidata alla Cappella del Santissimo

»

Sacramento. Per info vedere qui.


Acquista il catalogo